Festa Resiliente d’ Autunno

Domenica scorsa, al B&B l’ Amaca, si è tenuta la “Festa Resiliente d’ Autunno“, evento dicembrino organizzato dai transizionisti maceratesi. Il tempo è stato clemente, se non per qualche goccia passeggera, e i partecipanti – dopo una passeggiata nel verde – sono giunti al casolare già brulicante di preparativi.

Alle 13,00 ha avuto ufficialmente inizio la giornata, con un pranzo interamente biologico e a “km O” cucinato nel forno a legna e su stufe pirolitiche. Il menù, completamente vegano, ha deliziato davvero tutti i palati ed è stato innaffiato da vin brulè e dolcetti alle mele.
Verso le 17.00 si è acceso un falò, intorno al quale si è raccolto un cerchio che, dopo qualche stornello e una tarantella, ha dato inizio alla riunione informale che ha permesso a tutti i presenti di presentarsi e spiegare come si fossero avvicinati alla realtà della Transizione.
Mi ha stupito l’alto numero di presenze e il forte coinvolgimento di tutti i presenti che – hanno spiegato – avevano già da qualche tempo cominciato delle ricerche in merito al picco del petrolioriscaldamento globale e in materia di transizione, (per avere più notizie sulle transition towns clicca qui), a parte qualcuno arrivato all’ Amaca senza ben sapere di cosa si trattasse e che si è detto comunque piacevolmente sorpreso e interessato.
Molti gli spunti che sono nati intorno al falò – che è riuscito senz’ altro a dare un tono particolare a tutta la serata – tra cui l’ interesse dimostrato per le questioni economiche relative al signoraggio bancario e ad un’ economia locale incentivata dall’uso dello SCEC -acronimo dello “Sconto che cammina”. Inoltre è emerso il bisogno di sentirsi supportati da una comunità, da un gruppo che insieme ricerca e si sostiene per cercare di risolvere i problemi comuni, perchè dove finisce l’energia e la volontà di uno inizia quella dell’ altro, in una propagazione dalla spinta interiore individuale a quella del gruppo per portare a termine il compito.

Da una festa spettacolo che forse alcuni si aspettavano si è palesata fin dall’inizio un’occasione partecipativa, con gli ospiti che “giravano” la polenta e chiedevano di continuo “posso far qualcosa?“, “serve una mano?” e durante il giro intorno al falò “come possiamo organizzarci?” “quale azione collettiva possiamo permetterci ora?”.

             La serata si è conclusa con la musica dei “The Wedding Therapy”, i “Daphne & the Sparrow” accompagnati dalla voce incantata di Gemma Polonara, con Stefano Fabbroni de “Lu Sprufunnu” e con la visione del docu-film “No Impact Man”, l’ incredibile storia di una famiglia che cerca di vivere a impatto zero nel cuore di Manhattan (qui il trailer), visione di un esempio americano per promuovere la campagna di raccolta esperienze (testi-foto-video) a basso impatto ambientale per realizzare un documento sull’attuale attivismo ambientalista in Italia http://noimpactday.ilcambiamento.it/.
La Festa Resiliente d’ Autunno non poteva dirsi più riuscita, per affluenza e interesse dimostrato ma anche e soprattutto perché è stato un momento conviviale che ha permesso di stringere nuovi importanti legami, terreno necessario per l’ inizio di un’ azione di gruppo socialmente incisiva. Last but not least un grazie enorme alla disponibilità di Laura, proprietaria del b&B L’Amaca (sito), che ha reso possibile tutto questo.
Se siete interessati alle tematiche delle transition town ecco le date dei prossimoincontri:
  • Permacultura Macerata Tour
    Sabato 17 dicembre, dalle ore 14 alle 18
    Reimpariamo ad osservare l’ambiente che ci circonda attraverso i principi della permacultura.
Camminata studio con Francesco Quondam, biologo e progettista permacultore.
LUOGO DI RITROVO : ecobar FONTESCODELLA
Attraverseremo la città considerando i margini, gli spazi verdi, l’orientamento, la periferia, l’abitato.
Parleremo inoltre della fattibilità di un Orto in Città realizzato in Permacultura.
Donazione suggerita per l’ escursione : 5 €
Tel : 3392528411

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *