Erasmus a San Sebastián – Spagna [Intervista e Video]

San Sebastián (185.500 abitanti circa), conosciuta come Donostia in lingua basca, è una delle più note città dei Paesi Baschi, comunità autonoma situata nella parte nord-orientale della Spagna. La vicinanza con la Francia e la sua influenza hanno fatto di San Sebastián una favolosa città in stile Belle Epoque, e il lungomare, con le sue incantevoli baie, ha contribuito a farla conoscere con il lusinghiero appellativo di “Perla dell’Oceano”. Caterina Romagnuolo, studentessa della Facoltà di Giurisprudenza, vi si trova attualmente in soggiorno Erasmus, e si è gentilmente offerta di condividere con noi la sua esperienza, raccontandoci dal di dentro la vita universitaria nella città basca.

 

Ciao Caterina, perché la scelta di San Sebastián per il tuo Erasmus?

Ciao, sono sincera, inizialmente avevo scelto come prima tra le quattro mete Siviglia e come seconda San Sebastian, dato che mi aveva incuriosito perché era l’unica Università che non poneva il nome della città ma solo Universidad del Pais Vasco. Così ho cercato su internet ed ho scoperto questa città sul mare che dalle foto sembrava molto bella ed accogliente. Non conoscevo molto questa zona della Spagna però l’istinto mi ha spinto verso questa scelta. Aggiungo, fortunatamente.

Come è stato l’impatto appena arrivata?

Sono arrivata qui con i miei genitori, soprattutto per portare almeno due valigie ed i primi giorni li abbiamo passati in una pensione. Ho iniziato subito a cercare casa e per fortuna l’ho trovata in un giorno, nella parte vieja. Per quanto riguarda l’impatto iniziale, dopo la partenza dei miei genitori è cominciata veramente la mia esperienza e devo ammettere che le prime settimane mi sono sentita un po’ spaesata, inoltre non sapevo quasi una parola di spagnolo e qui non parlano molto l’inglese. Però sinceramente iniziando i corsi molto presto, soprattutto quello di spagnolo, ho conosciuto altri ragazzi che facevano l’erasmus qui. Inoltre, vivendo con una ragazza spagnola ed una tedesca che parla molto bene lo spagnolo ho iniziato a parlare tranquillamente già dopo un mese.

La Spagna è nota per la calda accoglienza, è stato così anche per te?

Devo dire di si. Già nella pensione in cui ho passato i primi giorni, il proprietario, sapendo che sarei dovuta rimanere qui per 9 mesi, mi ha detto che se avessi avuto bisogno di qualcosa nel periodo di mia permanenza, avrei potuto chiedere a lui tranquillamente. Inoltre anche la gente è molto gentile e disponibile. Mi è successo molte volte di chiedere una informazione, ad esempio per raggiungere un luogo, e non solo mi hanno risposto ma a volte mi ci hanno accompagnato. Anche all’Università sono stati molto gentili, addirittura appena arrivata mi hanno dato tutte le informazioni necessarie e mi hanno aiutato a chiamare i proprietari degli appartamenti per cercare una camera.

Parliamo dell’Università; come ti sei trovata con lezioni, esami, professori (e con la lingua basca)?

Devo premettere una cosa, inizialmente avevo un po’ di timore che le lezioni fossero solo in lingua basca. Invece ci sono corsi in basco e corsi in castigliano. Per quanto riguarda la vita universitaria inizialmente mi sono dovuta adattare al sistema differente di lezioni però la maggior parte dei docenti sono stati molto disponibili con me. Il giorno dell’esame mi hanno messo a mio agio, hanno chiesto quello che era stato stabilito nel programma e hanno preso in considerazione le difficoltà linguistiche che potevo avere.

Sempre riguardo alla vita universitaria, quali sono le principali differenze con Macerata?

Vi sono parecchie differenze. Le classi sono composte da massimo 25-30 studenti e il rapporto con i professori è diretto. Infatti si da del tu, sono molto più disposti al dialogo e alla partecipazione degli studenti in classe, conoscono tutti per nome, insomma mi è sembrato di tornare alle superiori. Gli anni di corso di giurisprudenza sono quattro invece che cinque (parlo per il ciclo unico a Macerata) e per ogni materia vi è un corso di mattina ed uno di pomeriggio così che gli studenti possano scegliere quelli che meglio si adattano alle loro esigenze di tempo e di coincidenze con altri corsi. Inoltre vi è stata una riforma e si applica il Piano che prevede sia ore di lezione teorica (con esame orale o scritto alla fine del corso) che ore di lezione pratica (differenti a seconda della materia, che vengono valutate e calcolate alla fine insieme al voto dell’esame di teoria). Infine, quando si sostiene l’esame il voto non si conosce subito ma viene pubblicato nei giorni seguenti nella pagina internet dell’università. Per quanto riguarda la struttura universitaria, la Facultad de Derecho si trova in un campus abbastanza nuovo, ogni facoltà ha una sua biblioteca, aula computer (nuovi) , una sua caffetteria e mensa e vi è una biblioteca del campus nuovissima e molto spaziosa dove poter trovare libri anche in altre lingue e studiare. Ovviamente vi è anche l’accesso ad internet wi-fi.

In merito al costo della vita, ritieni San Sebastián una città accessibile per uno studente?

Sinceramente rispetto al resto della Spagna questa è una città abbastanza cara. Il costo degli affitti varia da un minimo di 250 euro a un massimo di 350/400 euro, dipendendo dalla zona. Anche il costo della vita è abbastanza elevato però vi sono moltissimi servizi efficienti.

I Paesi Baschi si distinguono per la qualità della vita e per i molti servizi. Ci confermi anche tu questa opinione diffusa?

Si, la qualità della vita è ottima e come ho detto prima i servizi offerti sono molti, a partire dalla linea autobus che collega bene tutte le parti della città e i cui autobus sono frequenti, le piste ciclabili, la possibilità di fare un abbonamento per utilizzare le bici pubbliche, la pulizia delle strade, le biblioteche dove si possono prendere in prestito anche film in dvd e molto altro.

Hai avuto modo di viaggiare e visitare altre città della Spagna o altri Paesi europei? Ci sono, a tal proposito, organizzazioni Erasmus o studentesche che si occupano di eventi e viaggi?

Si, in questi mesi ho visitato altre città della Spagna come Bilbao, Valencia, Pamplona, Siviglia, Granada e Cadiz. Ho visitato anche molte località del Pais Vasco meno conosciute e devo dire che vi sono paesaggi bellissimi, soprattutto in quelle sulla costa Vasca. Nella Universidad del Pais Vasco vi è un centro apposito che organizza viaggi, escursioni ed attività culturali e sportive (anche attività sportive come surf) però io mi sono organizzata con altri amici.

Aspetti positivi e negativi dell’esperienza sino ad ora?

Di aspetti negativi veramente non so trovarne molti, invece quelli positivi sono tanti. Questa esperienza in un un modo o nell’altro cambia qualcosa nella vita di chi la fa, per molteplici motivi. Per me conoscere nuova gente, confrontarsi con un’altra cultura e vivere esperienze che altrimenti non si sarebbe potuto vivere è l’aspetto fondamentale.

Un messaggio finale che ci vuoi lasciare…

Sono veramente contenta di essere capitata qui. L’ho pensato dal primo momento in cui sono arrivata e lo penso ancora.

 

Nome : Caterina Romagnuolo

Città : San Sebastián

Stato : Spagna

Facoltà : Giurisprudenza

Anno Accademico : 2011/12

 

San Sebastián in immagini…

Come raggiungere San Sebastián:

1. Volo Ryanair Ancona-Madrid e poi Madrid San Sebastian in bus (compagnia alsa) oppure volo Easyjet Madrid-Bilbao (però non c’è sempre) e poi Bilbao- San Sebastian con i bus (compagnie alsa o pesa)

2. Ancona/Macerata- Roma in treno e Volo Easyjet Roma- Bilbao (e poi Bilbao- San Sebastian in bus) o volo Ryanair Roma- Santander (e poi Santander- San Sebastian in bus).

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *