L’Angolo del Libro: “La città della gioia” di Dominique Lapierre

L’angolo del Libro:  LA CITTA’ DELLA GIOIA

Volete vedere L’India? Ovviamente non intendo fisicamente, bensì su di un libro? Allora leggete questo romanzo, molto intenso. Vi portera’ in un mondo, ma che dico mondo, in un universo come se ci foste fisicamente. L’India, una volta che la percorri, è un punto di non ritorno. L’autore ci ha messo dentro tutto quello che sentiva, senza tralasciare nulla.


La storia è ben legata e strutturata, ti ci perdi, ma è un perdersi dolce. Sei consapevole di quel che accade, del perché e del per come. Nulla è messo lì a caso: fatti,eventi, persone, collegati e ricollegati. Racconta il suo paese adottivo così com’è purtroppo stato e com’è, per alcuni versi, ancora oggi.”La città della gioia” è un inno alla vita…proprio lì dove è costantemente negata. E’ la storia vera di un prete francese che lascia tutto facendosi povero tra i più poveri del mondo. Una straordinaria storia di coraggio, di povertà, di disperazione, di Amore incondizionato. Un romanzo che ci invita a guardarci dentro, a guardare la nostra vita come un dono unico, speciale, prezioso, che è riduttivo valutare solo in base a quello che possediamo, ma questa è solo la mia opinione.

 
 

FOCUS SULL’AUTORE:

Dominique Lapierre (Châtelaillon-Plage, 30 luglio 1931) è uno scrittore francese.

Lapierre nacque a Châtelaillon-Plage e si diplomò al Lafayette College, in Pennsylvania. È stato corrispondente del Paris Match per quattordici anni. Ha una sorella, Alexandra, anche lei scrittrice. È sposato, dal 1980, con Dominique Conchon-Lapierre con cui condivide l’impegno della fondazione Action pour les enfants des lépreux de Calcutta nata dopo l’esperienza vissuta nella città indiana.Molte delle sue opere sono state scritte insieme a Larry Collins, e parte dei guadagni ottenuti dalla vendita dei suoi libri sono stati donati, a partire dal 1982 all’associazione No-Profit City of Joy, nome che diverrà poi il titolo di uno dei suoi più famosi romanzi: La città della gioia, da cui sarà tratto l’omonimo film.(fonte wikipedia.com)

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *