Strumenti per le elezioni universitarie: come e chi si vota.

Cosa si vota? Le elezioni universitarie andranno a eleggere tutti gli organi dell’Università, ad esclusione del Senato Accademico: a luglio si è infatti votato per l’organo istituzionalmente più importante dell’Ateneo.
Nell’appuntamento del 6 e 7 novembre si voterà dunque per i Corsi di Laurea, i Consigli di Dipartimento (nuovo format che indica pressapoco le vecchie facoltà), il Consiglio degli Studenti (che è l’organo politicamente più importante – il parlamentino dell’Ateneo), il Consiglio d’Amministrazione (centro del potere economico e finanziario dell’Ateneo) e l’ERSU (Ente Regionale per il Diritto allo Studio).
Come si vota? Bisogna presentarsi all’interno dei seggi posti nella propria facoltà con un documento di riconoscimento e il libretto universitario.
Chi si candida? Le liste che si presentano alle elezioni sono 5: Obiettivo Studenti, LogAut, Officina Universitaria, RUN, Big Bang. Alla luce dei tanti organi da eleggere, le liste non sono riuscite a coprire tutti i posti, per cui molti corsi di laurea vedranno presentarsi solo alcune delle liste sopra elencate.
Ma chi sono queste liste?
Obiettivo Studenti è un’associazione che rientra nel gruppo universitario nazionale Student Office e fa riferimento al movimento di Comunione e Liberazione [1]: molto radicata in tutte le facoltà, si impegna prevalentemente nelle vertenze dei singoli corsi di laurea e in iniziative specifiche quali gruppi di studio per gli esami. Vincitrice delle elezioni del Senato Accademico di luglio, ha un forte legame con alcuni professori della stessa area politica;
LogAut è una piattaforma programmatica che vede coinvolti gli studenti e le studentesse che hanno preso parte ai movimenti e le mobilitazioni degli ultimi anni, quali quella contro la Riforma Gelmini. Di nuova formazione, fa proprio il percorso del Movimento Studenti [2] e vede la rappresentanza dentro un quadro più complesso di azioni di trasformazione della realtà universitaria (autoformazione, controcultura, recupero spazi);
Officina Universitaria è un sindacato di centro-sinistra che afferisce all’area CGIL-UDU, nella lista in Consiglio Nazionale con RUN e Liste di Sinistra [3]. Molto presente nelle facoltà, ha vinto le elezioni di 3 anni fa, arrivando seconda in quelle di luglio (dove ha eletto un senatore). Molto impegnata in vertenze specifiche, promuove spesso feste e cene nei locali cittadini e ritiene di particolare importanza l’appuntamento delle elezioni universitarie;
Rete Universitaria Nazionale è un’associazione che fa direttamente riferimento alla formazione giovanile del PD, i Giovani Democratici [4]. Promossa da ex aderenti di Officina Universitaria, la RUN si muove su posizioni anch’esse di centro-sinistra, e vuole arrivare a nuova militanza nelle facoltà e un nuovo modo di intendere i rapporti e i legami con la politica extrauniversitaria.
BigBang è un’associazione priva di una predeterminata posizione nello scacchiere politico. Si professa estranea alla disputa sinistra/destra [5] e nasce dall’impegno di studenti e studentesse provenienti da ogni tipo di pregressa esperienza politica. Presentatasi per la prima volta al Senato Accademico, afferma il bisogno di una politica universitaria vicina alle istanze specifiche dell’Ateneo.

A queste formazioni, va aggiunta la lista degli studenti della sede distaccata di Fermo, candidata solo per il consiglio di classe di beni culturali e per il dipartimento di formazione/beni culturali/turismo.

Questo è il quadro complessivo, che consente (speriamo!) di comprendere il modo in cui si vota e l’orizzonte entro cui si situano le realtà studentesche che si candidano a queste elezioni universitarie. Nei prossimi giorni ulteriori approfondimenti: la pratica democratica è possibile solo con un’informazione all’altezza della realtà.

I seggi elettorali resteranno aperti secondo il seguente orario:

  • martedì 6 novembre: dalle ore 9,00 alle ore 18,30;
  • mercoledì 7 novembre: dalle ore 9,00 alle ore 14,00.
  • per i seggi delle sede distaccate (Fermo, Civitanova Marche, Jesi e Spinetoli), l’orario è fissato dalle ore 10,00 alle ore 17,00 del 6. novembre.

Le operazioni di scrutinio si terranno il 7 novembre a partire dalle ore 14,00.

 

[1] http://it.wikipedia.org/wiki/Comunione_e_Liberazione
[2] http://www.repubblica.it/scuola/2010/11/23/news/proteste_scuole-9408935/?ref=HRER2-1
[3] http://www.unionedegliuniversitari.it/udu-run-liste-di-sinistra-consiglio-nazionale-degli-studenti-profumo-non-ci-risponde/
[4] http://www.giovanidemocratici.net/tag/rete-universitaria-nazionale
[5] http://www.vialiberamc.it/2012/06/26/intervista-a-bigbang/

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *