Nostalgia del ’68

scritto di Cristian Fantuzi

Ho scelto di inserire questa immagine per i colori vivaci che la caratterizzano, colori che rappresentano al meglio uno dei periodi più luminosi della storia dei movimenti di protesta.
Questo furgoncino è il simbolo della voglia giovanile di cambiare il mondo di quegli anni, è il simbolo di Woodstock (15-18 agosto 1969), massima espressione del pensiero dell’epoca.
Dire però che solo Woodstock rappresenti quegli anni è un’offesa a tutti gli operai, studenti e gruppi femministi ed etnici che hanno lottato senza essere passati alla ribalta; quel festival è stato semplicemente la porta d’ingresso, per le generazioni successive, a quel mondo tanto strano e tanto ripudiato dai più puritani e conformisti oggi.

Oggi i giovani potrebbero rifare quelle battaglie, ripercorrere quegli eventi e quelle strade battute in maniera provocatoria da quei giovani su quel prato a Bethel? Io dico di no, ormai i giovani sono diventati schiavi di un sistema e di un modo di fare sempre più totalitario.
Quel furgoncino è passato alla storia come simbolo di una vivacità mentale e fisica della popolazione giovanile; ma ora i giovani che simbolo hanno?! (spero non sia veramente l’Iphone) Abbiamo raggiunto conoscenze tecnologiche e culturali che ci permetterebbero di ripercorrere quelle strade. Ma non vogliamo, siamo assuefatti da facebook, dall’Iphone, dalla vita sicura, abbiamo dimenticato cosa significa avventura, rischio, gioco, divertimento, leggerezza, diritto alla felicità, in poche parole stiamo abbandonando la vita…

Ma per cosa?!
Su giovani alziamo la testa, lottiamo per i nostri diritti di studenti, di lavoratori, per la libertà di espressione e di parola oltre che di pensiero; questo non vuol dire emulare i giovani che riempirono le piazze e quel prato più di 40 anni fa: quella cultura e quelle lotte non sono più nostre, ma dobbiamo emularli nello spirito e nella voglia di far sentire la nostra voce.

Confido che prima o poi troveremo il nostro simbolo… Come lo è stato quel furgoncino della Wolkswagen.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *