20 Giugno, Giornata mondiale del Rifugiato: gli appuntamenti di Ancona

Ancona celebra la Giornata del Rifugiato.

Alle ore 19:30 presso la Corte Interna verrà proiettato lo spettacolo “Supplici a Lampedusa”, a cura del Centro teatrale Rinaldini. Il tema dell’accoglienza è il pilastro del lavoro che il Centro quest’anno ha deciso di affrontare. Partendo dalle Supplici di Eschilo, ci siamo concentrati proprio su questo tema piuttosto che sul mito delle figlie di Danao, in un tentativo, speriamo riuscito, di travalicare il tempo e lo spazio, fino ad arrivare ai nostri giorni e alla nostra Lampedusa. Inoltre, collaborando con Arci Ancona che cura un progetto S.P.R.A.R. per donne richiedenti asilo, si sono inserite nello spettacolo alcune battute in yoruba e in amarico, lingue parlate rispettivamente in Nigeria e in Etiopia. Chiude lo spettacolo la lettura della lettera del sindaco di Lampedusa, omaggio a questa donna, Giusi Nicolini, che ha saputo commuovere tutta l’Europa con le sue parole sui rifugiati e sulla nostra (in)capacità di accoglierli come dovremmo.

A seguire, alle ore 20:30 presso il Lazzabaretto, l’appuntamento è con “Donne per donne”: presentazione del progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) seguita da un aperitivo – cena gratuito a cura del Centro Papa Giovanni XXIII

Il Lazzabaretto ospiterà, infine, il concerto dei Banana Job, che chiuderà la serata a partire dalle 22:30. I Banana Job nascono a cavallo fra il 2012 e 2013 accomunati dalla passione per la musica giamaicana e per la musica italiana degli anni 70, tutto ciò crea una fusione di suoni e culture che s’incrociano con pulsioni coinvolgenti. I Banana Job sono: Alessandro Marino (voce, chitarra, kazoo e melodica), Marco Nuccitelli (chitarra, cori e percussioni), Tommaso Manoni (basso elettrico) e Giovanni Stronati (batterie e cajon).

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *