SEL Macerata: “il comune di Macerata istituisca il Registro delle Unioni Civili”

Il tema delle coppie di fatto è, spesso, assente dal dibattito politico italiano. E l’Italia, d’altro canto, è rimasto uno dei pochi paesi europei a non aver legiferato appropriatamente sul tema. In alcune città sono stati istituiti dei registri volti a dare a tutte le coppie gli stessi diritti. Il circolo cittadino di Sinistra Ecologia Libertà chiede che anche il comune di Macerata si muova in questa direzione. Pubblichiamo, di seguito, le parole del segretario comunale di SEL, Roberto Acquaroli.

Mentre anche la Corte suprema degli Stati Uniti si pronuncia a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso, in Italia il Parlamento continua a rimanere indifferente al tema del riconoscimento del matrimonio delle coppie omosessuali. Stiamo così finendo tra i Paesi più retrivi, nonostante anche la Suprema Corte italiana abbia riconosciuto la necessità di garantire alle coppie formate da persone dello stesso sesso, un trattamento giuridico “omogeneo” rispetto alle coppie formate da un uomo e una donna.

Nel frattempo, per fortuna, molti Comuni si stanno muovendo, per garantire a tutte le coppie, eterosessuali o omosessuali, di poter godere degli stessi diritti.

In questo cammino verso l’affermazione del principio di uguaglianza, in attuazione dei principi fondamentali della Costituzione italiana, non può essere assente il Comune di Macerata.

È necessario che questa amministrazione, formata da forze che si definiscono democratiche e di sinistra, senta come un dovere l’istituzione del Registro delle Unioni civili, un primo passo in attesa di una legge nazionale che ponga fine ad una perdurante discriminazione che riguarda non solo le coppie dello stesso sesso, ma anche quelle coppie eterosessuali che, per le più svariate ragioni, non possono o vogliono contrarre matrimonio.

Il registro delle Unioni Civili serve affinché, in alcune aree prioritarie della convivenza civile, tra cui il diritto alla casa, la sanità e i servizi sociali, la formazione, la scuola e i servizi educativi, si eviti qualsiasi forma di discriminazione nell’accesso agli interventi e i servizi dell’amministrazione pubblica, ai danni delle coppie omosessuali e delle coppie di fatto in genere.

È tempo di agire, soprattutto in un momento di grave crisi economica, proprio perché chi è difficoltà per il lavoro rischia di subìre ulteriori disagi a causa di discriminazioni non solo ingiustificate, ma anche incostituzionali.

Sinistra Ecologia Libertà lancia dunque un appello a tutte le forze democratiche presenti in Consiglio Comunale, affinché si proceda quanto prima all’istituzione del Registro delle Unioni Civili e all’approvazione del relativo regolamento, in attuazione dei principi di uguaglianza e solidarietà scolpiti negli artt. 2 e 3 della Costituzione.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *