SEL Macerata contro l’omofobia, per il registro delle unioni civili

Da qualunque prospettiva lo si voglia analizzare, l’ordine del giorno presentato da Giuliano Meschini (Italia dei Valori), ed approvato grazie al voto favorevoli di alcuni esponenti del Partito Democratico (che sembrano dare un’interpretazione tutta loro delle parole del neo segretario Matteo Renzi), contiene parole e concetti che, nel 2014, dovrebbero essere stati già superati.

Nella mozione si afferma che il comune di Macerata si impegna ad impedire “l’introduzione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, la possibilità di affidamento ed adozione di minori da parte di coppie dello stesso sesso”. Meschini ed i suoi colleghi che hanno votato favorevolmente dimenticano, forse, che un comune non ha il potere di deliberare su tali questioni. È evidente, quindi, il carattere strumentale e ciecamente ideologico di tali parole.

Sinistra Ecologia Libertà, nel corso dell’ultima verifica programmatica, aveva messo al primo posto l’istituzione del registro delle unioni civili da parte dell’Amministrazione comunale di Macerata. Il Partito Democratico, nella persona del suo segretario Paolo Micozzi, non aveva mosso obiezioni in questo senso.

La votazione dell’altro giorno sconfessa gli accordi presi in quella sede. Ci aspettiamo, allora, che il segretario del Partito Democratico ponga rimedio a questa vicenda imbarazzante, combattendo l’ostracismo del suo partito nei confronti dell’istituzione del registro delle coppie di fatto nel Comune di Macerata come segno tangibile di tutela dei diritti civili e di contrasto all’omofobia, contro i rigurgiti dell’intolleranza clericale.

Alcune associazioni, come ANPI, Arci ed Arcigay, si sono già pronunciate chiaramente contro l’ordine del giorno. Parole critiche sono arrivate anche da alcuni esponenti dello stesso Partito Democratico.

Anche il circolo di Macerata di SEL si schiera senza se e senza ma contro l’omofobia, nella speranza che il consiglio comunale riveda la decisione presa lo scorso 30 gennaio.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *