Intervista a Laura Splendiani di “CaBaret” su Centro storico Smart

Le opinioni dei commercianti del centro storico animano in questi giorni il dibattito cittadino a proposito del provvedimento “Centro storico Smart”, varato il 4 giugno 2014, che prevede la pedonalizzazione totale di Piazza della Libertá. Siamo andati a sentire cosa ne pensa Laura Splendiani, titolare del bar CaBARet.

Cosa significa per te il centro storico?

Io amo il centro storico, e infatti, oltre a lavorarci, da qualche tempo ci abito anche. Credo che debba essere rivalutato. Io vivo in questa città da trenta anni e mi sono accorta solo da poco che in Piazza della Libertà c’è uno stemma disegnato per terra. Non l’avevo mai visto perché ci sono sempre delle macchine parcheggiate sopra, e sinceramente mi sembra assurdo.

Quali pensi che siano gli effetti della riduzione della viabilitá sulla tua attività commerciale?

Io sono favorevole alla chiusura totale: la soluzione ottimale per rivalutare il centro storico non è certo quella di far transitare le auto. Sono convinta che i miei clienti non vengano da me perché hanno la possibilitá di parcheggiare nei paraggi, ma perché qui trovano qualcosa che non trovano da altre parti.

Allora come mai c’è tutto questo malcontento?

Non sono molto d’accordo con le proteste che sono state fatte, perché non ci si può limitare a criticare le scelte del comune senza proporre delle soluzioni alternative. Prima di lavorare sulla pedonalizzazione o sulla non pedonalizzazione bisogna lavorare a monte, sui servizi del centro storico: ad esempio chi possiede degli immobili in questa zona dovrebbe essere obbligato ad affittarli a prezzi modesti per farli fruttare, altrimenti dovrebbe pagare più tasse. Più servizi ci sono e più gente si attira.

E come residente non ti crea nessun problema la pedonalizzazione?

Il problema c’è comunque, perché i parcheggi non sono comunque sufficienti per tutti i residenti.

In molte città la pedonalizzazione del centro storico è realtà da molti anni. Perché a Macerata no?

È difficile da dire: forse perché la gente non si rende conto che il vero problema del funzionamento delle attività commerciali non è quello del transito delle automobili.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *