Macerata, Summer School in economia e antiriciclaggio

di Marco Ricotta.

Si è svolto la settimana scorsa il seminario organizzato da “Libera, associazioni e numeri contro le mafie” Summer School presso l’Università di Macerata, in collaborazione con il Consiglio regionale delle Marche, la Banca di Credito Cooperativo-Federcasse, la Coopadriatica e la Banca Popolare Etica, dedicato all’economia e alla legislazione antiriciclaggio con l’obiettivo di approfondire i temi legati alla prevenzione e al controllo dei rischi derivati dall’inadempienza delle disposizioni normative e dei regolamenti in materia di antiriciclaggio.

Ospite il 18 settembre il vice presidente di Libera Don Marcello Cozzi insieme ai referenti dei coordinamenti e dei presidi presenti nella regione Marche con la quale sono state proposte una serie di iniziative per il 2014 e il 2015 (anno in cui si celebrerà il ventennale dell’associazione):

  • Partirà il 23 ottobre prossimo e proseguirà fino al 26 “Contromafie, gli Stati generali dell’antimafia”, un appuntamento che Libera offre al movimento antimafia italiano, europeo e non solo, in cui le associazioni e le realtà impegnate contro le diverse forme di criminalità organizzata e transnazionale e le connesse pratiche di corruzione, si ritrovano per confrontare strategie e percorsi, mettere a punto proposte di natura giuridica ed amministrativa, elaborare azioni di contrasto civile e non violento, valorizzare le buone prassi ed esperienze maturate in tema di libertà, cittadinanza, informazione, legalità, giustizia e solidarietà. Contromafie propone quattro giorni di studio e confronto che si sviluppano secondo le sei aree tematiche che ne accompagnano i lavori fin dal 2006 (per una parola di libertà e dignità, per un sapere di cittadinanza e responsabilità, per un dovere di informazione e democrazia, per una politica di legalità e trasparenza, per una domanda di giustizia e verità, per una economia di solidarietà e sviluppo) come luoghi di approfondimento e di scambio, attraverso la suddivisione in sessioni e gruppi.
  • Promozione della campagna “Miseria Ladra” con tutte quelle realtà sociali, sindacali,studentesche, comitati, associazioni, movimenti, giornali e singoli cittadini/e, intenzionati a portare avanti le seguenti proposte:
  1. Ricostruire subito ed aumentare il fondo sociale e il fondo per la non autosufficienza.
  2. Una moratoria sui creditidi equitalia e del Sistema bancario.
  3. Subito i pagamenti delle pubbliche amministrazioni nei confronti di chi fornisce servizi, beni e prestazioni.
  4. Agricoltura sociale, risanamento del dissesto idrogeologico, riconversione ecologica dell’apparato produttivo e della filiera energetica, integrazione dei migranti. a bilancio complessivo invariato attraverso la revisione dei progetti di alcune grandi opere inutili, e i tagli alle spese militari.
  5. Sospendere gli sfratti esecutivi.
  6. Destinare velocemente il patrimonio immobiliare sfitto nelle citta’ e quello confiscato alle attivita’ criminali per i piu’ bisognosi e ad uso sociale.
  7. Riconoscere la residenza presso i Municipi a tutti coloro che sono senza dimora e temporaneamente in difficolta’ cosi’ da accedere ai servizi sociali e sanitari.
  8. Reddito minimo di cittadinanza per sostenere il lavoro.
  9. Riportare in ambito pubblico i servizi basici essenziali e difesa dei beni comuni.
  10. Rinegoziazione del debito pubblico.

Proposte concrete che da subito possono rispondere alla crisi materiale e culturale, rafforzare la partecipazione e rivitalizzare la nostra democrazia.

  • Comitati di formazione per i nuovi presidi: Macerata, Fermo e Fabriano, costruendo una rete con le associazioni e i singoli cittadini.

 Citando il presidente di Libera Don Luigi Ciotti “Che i nostri sogni diventino responsabilità”.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *