La formazione alla S.O.M.S.

L’eterogenea accozzaglia che anima e gestisce orizzontalmente la Soms di Corridonia, una delle poche se non l’unica a poter vantare a livello nazionale un’età media intorno ai trent’anni, sta per tornare!
Finalmente è giunto il momento di svelarci quali idee ci aspettano per questa nuova stagione. Di certo, per ora, c’è un appuntamento fissato per il 16 ottobre alla sede di via Procaccini 50 a Corridonia per la presentazione dei nuovi laboratori. Grafica (base e avanzato), docente Nooz Torresi; music production con Michele Duscio e Simone Tanda (Ass. MuSick); Spagnolo Cult (#yasomosbilingues) con Gilda Piccio e Francesco Spé; Editing video con Alessandro Bracalente; Consapevolezza alimentare con Luca Tombesi; Stampa 3d con Design for craft. Questa è la lista completa pubblicata sul sito della Soms.

Per promuovere la presentazione del nuovo anno di attività della SOMS, ho deciso di intervistare il direttivo della S.O.M.S. ri-proponendo una serie di frasi prese dalla pubblicazione “SOMS 150 – Appunti per una memoria condivisa”.

Da Gabriele Mastroleo “A me l’(in)degno compito”  ho scorso che “questo (SOMS 150 ndr) è un esperimento di scrittura creativa, così come altri progetti portati avanti negli ultimi anni, dai laboratori autogestiti alle rassegne cinematografiche,  che identificano la nostra Società come principale motore e centro di cultura “altra” della cittadina di Corridonia, in sinergia con il collettivo di sodali che gravitano intorno a Sciarada”.
Com’è avvenuta quest’anno la scelta dei laboratori?

I laboratori sono delle strade che percorriamo per avvicinarsi all’obiettivo statuari di contribuire alla formazione dei soci e delle socie. La scelta, come ogni anno, avviene secondo alcuni semplici criteri. Le porte sono aperte a coloro che vogliono condividere il nostro luogo/idea e propongono un laboratorio economicamente accessibile. Nostro sogno sarebbe quello di investire nei laboratori offrendoli ai consociati, ma le nostre attuali condizioni finanziare non sono della stessa opinione.
Per questo apriamo quest’anno il “Laboratorio Creativo”, un appuntamento ad intervalli regolari per la realizzazione di progetti no-profit. Non si richiede un’ iscrizione ma molta partecipazione.

Da Nello Flora “Memorie: un ricordo per il 150°” riprendo l’ultima parte in cui dice: “[…] oggi, oltre agli scopi fondativi della S.O.M.S.. è cambiata anche la composizione degli iscritti: in larga maggioranza giovani, in parte studenti, molti provenienti da fuori Corridonia; grazie a loro e allo loro attivissima presidente Eva Luciani, la S.O.M.S. di Corridonia svolge attualmente molte iniziative in diversi settori culturali, si occupa di problemi sociali e storici, promuove la comunicazione tra le persone, che, a mio avviso, è essenziale per una vita soddisfacente, più consapevole e per la crescita reciproca”. A chi vi rivolgete?

I laboratori sono principalmente rivolti a giovani ed adulti. E con la Stampa 3D, utilizzabile in molti settori, confidiamo di avvicinarci al mondo degli artigiani. Gli artieri, che insieme agli operai, componevano originariamente la Società Operaia di Corridonia.

D Andrea Baggio “Ciao biondo…” ho scelto una parte fondamentale, in cui cita un personaggio fondamentale nel suo scritto in lingua: “This place has regained life since the end of the nineties thansk to the initiative of a man called Sesto Luciani who slowly  and stubbornly re-founded this place. He gave me a chance, he welcomed me as a son and showed me how people can changed with his own example, with his life, with happiness. Sesto is not there anymore, but I want to do for you the same as he did for me, maybe in another form, but the result will remain the same and the story can be repeated. Now SOMS is a group. It’s a flock. It’s a friend, and you are welcome. The people who land this place are volunteers of an idea. The project is based on the possibility of providing experience, sharing, participation and collaborating”.
Quale atmosfera volete descrivere, quale messaggio di mutualità volete inviare a coloro che non sono mai entrati alla SOMS e magari, interessati ad uno dei laboratori, si appresta ad entrare per la prima volta in sede?

“Gente che si unisce formando un unico individuo, che avanza spalla a spalla e si sostiene l’un l’altro.
Ha tanti nomi. Marcia del Popolo, Mischia Ordinata, Rivoluzione Contadina, Falange Macedone.
Qui lo chiamano Mutuo Soccorso”

Vi lasciamo con un estratto di Damiano Giacomelli in “Crotonia vive, viva Crotonia!” Noto che la frase che avete scelto per presentare i laboratori proviene da questo suo scritto. Egli dice: “Senza Mutualità, di questo progetto rimarrebbe solo un S.O.S. Di S.O.S. culturali è piena questa regione. Di festival, associazioni e locali che scelgono in funzione della sicurezza economica, sacrificando sistematicamente la sperimentazione culturale, che da sempre ha bisogno di tempo per pagare. Ma dal ventennio dei telecomandi non si esce con un altro ventennio telecomandato, in direzione inversa. Se ne esce solo dal basso, dando voce alla sconcertante vivacità della pluralità…facendo sì che il valore portante sia il mutuo soccorso tra questa tante deliberate, impellenti minoranze”. 

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *