In tempi di crisi le aziende scelgono Marchex

Un circuito alternativo di credito commerciale per far ripartire l’economia locale: il suo nome è Marchex.net. Attraverso il Credito Commerciale Marchex.net sono le stesse imprese a farsi credito, riducendo la propria esposizione bancaria e sostenendosi reciprocamente in questo momento di crisi. Entrando a far parte di Marchex.net un’azienda marchigiana potrà fare acquisti e ripagarli nell’arco di un anno vendendo i propri beni e servizi ad altri iscritti al circuito. All’interno del circuito non esistono interessi, per ripagare gli acquisti basta effettuare vendite per lo stesso importo.
Con questa intervista Via Libera cercherà di approfondire l’interessante idea che, nata nei primi mesi del 2014 a Macerata, ha già preso piede all’interno del territorio regionale. 

Vi siete ispirati alla stra-positiva esperienza di Sardex.net, nato nel 2010 in Sardegna che unisce virtuosamente più di 2300 imprese, professionisti e onlus con numeri in continua crescita. E’ questa la direzione che state prendendo? Cos’è Marchex?
Marchex.net agisce come camera di compensazione di debiti e crediti reciproci, una sorta di “baratto multilaterale”, anche se non ci piace molto chiamarlo così perché si rischia di semplificare troppo ciò che invece merita importanza. E cioè la creazione di un vero e proprio sistema economico basato su valori quali la cooperazione, la fiducia, il sostegno reciproco seguendo, ad esempio, una realtà internazionale come WIR in Svizzera, dove addirittura percentuali importanti di PIL nazionale passano attraverso moneta complementare. Il Circuito Marchex.net, come tutti gli altri circuiti che sono nati e stanno nascendo in Italia, sono “figli” di Sardex.net e da lei prendono modus operandi e formazione  iniziale.  E’  naturale  poi  che  differenze  culturali  e  imprenditoriali  tra  regioni  portino  ad adattare il modello iniziale al proprio tessuto produttivo. In linea di massima possiamo però dire che le differenze con Sardex.net sono davvero poche, visti i loro risultati vincenti, e più che altro legate a modalità operative dell’area marketing e ai meccanismi promozionali locali del circuito stesso.

Quante sono, ad oggi, le aziende che hanno scelto di fare a meno del denaro e si fanno credito tra di loro attraverso Marchex.net?
Quello che vogliamo è aumentare la liquidità delle PMI facendole lavorare tra loro in un rapporto di fiducia e di diritti/doveri reciproci. In questo modo una parte dei prodotti dei servizi marchigiani restano nel territorio generando una ricchezza che altrimenti sarebbe andata altrove. Attualmente le aziende iscritte sono più di 120 e hanno messo a disposizione un valore commerciale di beni e servizi scambiabili pari a 1.6 mln di €.

Dopo le imprese, i professionisti e il terzo settore è possibile puntare ai consumatori- cittadini? “La nostra idea di moneta locale è una’nuova sinapsi’ tra i soggetti economici locali, una moneta di relazione che crea un senso di comunità”, spiega Carlo Mancosu, cofondatore insieme a quattro soci di Sardex.net. Come si pone Marchex.net?
Il Circuito Marchex.net guarda con ammirazione Sardex.net e mira a raggiungere gli stessi obiettivi: creare  una comunità di consumatori-cittadini nelle Marche  è infatti  uno  dei  nostri  sogni. Come nelle migliori famiglie abbiamo cominciato noi stessi a dare il “buon esempio”; tutti i nostri dipendenti e consulenti hanno infatti una parte del proprio stipendio in Mex (questo il nome della nostra unità di conto, 1 Mex= 1 €) con cui possono acquistare prodotti e servizi delle aziende aderenti, che vanno dagli alimentari alle carrozzerie, dalle utenze elettriche e telefoniche al benessere. Stiamo poi progettando il lancio delle “carte staff”, opportunità che diamo a tutti gli imprenditori strozzati dalle spese di pagare i propri dipendenti con una parte di stipendio in Mex, proprio come succede a noi. In Sardegna più di 700 dipendenti e collaboratori delle aziende associate Sardex.net già usufruiscono di questo servizio.

Quanti dipendenti e collaboratori vantate all’interno del vostro staff? Quali sono le loro mansioni? Siete alla ricerca di nuove figure professionali?
La squadra Marchex.net è divisa in 4 aree principali: la direzione generale; l’area broker, la regia che manda avanti il circuito incrociando le esigenze degli iscritti e mettendoli in contatto tra di loro; l’area marketing che si occupa della promozione del circuito sul territorio e l’area commerciale che è attiva sul campo e racconta il progetto alle aziende. Attualmente sono una decina le persone che a vario titolo lavorano direttamente con e per il circuito. In questo momento siamo alla ricerca di CTA (Community Trade Advisor), ovvero consulenti aziendali che vanno ad incontrare gli imprenditori presentando loro il circuito. Chiunque fosse interessato non esiti a contattarci attraverso il nostro sito internet.

GUARDA IL VIDEO!


Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *