Edoardo Grisogani ci parla di OnlyFuckingLabels #4

Da tre anni a questa parte c’è un appuntamento imperdibile nelle Marche. Risponde al nome di OnlyFuckinLabels e diamo a Cesare quel che è di Cesare: la rassegna che si tiene al CSA Sisma di Macerata è davvero la migliore occasione possibile per conoscere da vicino la discografia indipendente italiana. Ovvero: indagare e (rap)presentare il mondo dell’underground italiano, o comunque una parte consistente di questo. Organizzano il tutto, come sempre, la Onlyfuckingnoise Records di Alessandro Bracalente, Edoardo Grisogani e Cristiano Coini e il Sisma, in collaborazione con l’associazione ADAM Accademia delle Arti di Macerata.
A poco più di una settimana dall’evento, intercettiamo Edoardo e Cristiano per “strappargli” qualche informazione in più sul festival.

Giunti alla quarta edizione oramai non si puo’ più parlare di esperimento. La vostra creazione è ormai un punti di riferimento per tutti coloro che vogliano assaporare un po’ di buona musica dalle nostre parti. Giunti a questo punto, quali obiettivi si prefigge Only Fucking Noise? Pensate di continuare su questa via del festival o avete in mente altro?
Al quarto anno di attività, le linee di azione di OFN sono ben delineate e consolidate.  Dal punto di vista delle produzioni, cerchiamo di collaborare a reti più ampie, per fare in modo che gli artisti in cui crediamo possano avere  il giusto sostegno per promuovere il loro lavoro.  Per quanto riguarda ONLYFUCKINGLABELS, sostanzialmente, vogliamo raggruppare tutte le realtà musicali e discografiche che riteniamo più interessanti nel panorama nazionale, cercando si prediligere quelle mosse dallo spirito del DIY (Do It Yourself, ndr). Per adesso rimarremo su questa via, senza snaturare il discorso dal quale siamo partiti, preferiamo rischiare di proporre nuove cose piuttosto che giocare facile puntando al nome di richiamo, questo è nello spirito combattivo di OFN, che si costituisce principalmente come dispositivo culturale attivo. Poi ovviamente, ogni anno, cercheremo di crescere, di acquisire una maggiore professionalità e vedute più ampie in modo da riuscire a portare realtà sempre più ricercate ed interessanti

Gli artisti presenti quest’anno sono tanti e vari. Riuscireste a descriverne qualcheduno brevissimamente.
Parlando di quelli che non hanno mai suonato dalle nostre parti: Luminance Ratio, ambient, psichedelico elettroacustico, 4 chitarre in muro di suono. Poi Putan Club con François degli Enfance Rouge che da solo vale il prezzo del biglietto, Trouble Vs Glue che serviranno a far ballare le ragazze e Virtual Forest, il nuovo progetto drone-ambient di Marco Bernacchia. Più i soliti eroi della zona: Natural Dub Cluster, Tetuan, Drama Emperor etc etc.

Vi avvallorate della collaborazione di importanti realtà locali quali il SISMA, che fa gli onori di casa, e ADAM Accademia delle Belle Aarti di Macerata, che collabora nell’organizzazione del festival. Cos’altro possiamo trovare oltre alla musica domenica 21 dicembre? Mostre, banchetti, cibo?
La vera novità di quest’anno è una mostra curata dall’ass. RATATA’ FESTIVAL : “TREKKING + EATING mostra e presentazione dei libri serigrafati da Strane Edizioni” a sancire l’inizio di una collaborazione fra OFN e RATATA’. Inoltre come ogni anno ci saranno più di 15 banchetti delle label che abbiamo invitato,con vinili,cd e casette, ottimo cibo e birre artigianali a cura dello staff del SISMA.

Maicol&Mirco per Only Fucking Labels

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *