Giulia Fratini – Erasmus a Heidelberg

Questa settimana la rubrica Via Europa si arricchisce di una nuova meta Erasmus da conoscere: è la città tedesca di Heidelberg, situata sulle rive del fiume Neckar e con una popolazione di oltre 150.000 abitanti.

Ce ne parla Giulia Fratini, studentessa di Mediazione Linguistica, di ritorno dal suo Erasmus in questa splendida città.

 

Cara Giulia, sei la prima studentessa che ci parla di Heidelberg in questa rubrica, quindi non vediamo l’ora di saperne un po’ di più. Innanzitutto, come sei arrivata a scegliere questa città?

Innanzitutto buongiorno e grazie per avermi dato l’opportunità di parlare della mia esperienza. Ho scelto Heidelberg come meta per il mio Erasmus perché mi è stata fortemente consigliata dalla mia professoressa di tedesco. Inoltre in questa città si trova la più antica università della Germania.

Fattore lingua: prima di partire parlavi già un po’ il tedesco o hai dovuto impararlo sul campo? Riuscivi a comunicare con i tedeschi?

Si, prima di partire avevo già una base della lingua. Ho studiato tedesco per 3 anni alle superiori, e per 2 all’università prima di partire. Riuscivo a comunicare con la gente del posto ma, devo ammettere, non senza difficoltà. Ma con il passare dei mesi è andata sempre meglio; l’esperienza e la quotidianità sono fondamentali per la conoscenza di una lingua.

Come sono stati i primi giorni da Erasmus? Cosa hai fatto una volta arrivata? Come ti sei mossa per cercare un alloggio?

Sicuramente difficili. L’impatto con una città sconosciuta, volti nuovi, diversa lingua, università, abitudini, non è mai semplice. Sono partita con una mia amica e compagna di università, quindi devo dire che ci siamo aiutate a vicenda e, soprattutto le prime settimane, il fatto di avere vicino un volto conosciuto è stato bellissimo. Trovare un alloggio è stato semplice, avevo fatto domanda all’università ospitante molto presto, quindi sono loro che mi hanno collocato in uno studentato universitario.

Com’è la Ruprech Karls Universitat? Come si fa a seguire le lezioni in una lingua che non è la tua? E a dare gli esami?

Inizio col dire che è l’università più antica della Germania e so, pur non avendo frequentato corsi del genere, che è molto qualificata a livello nazionale per la facoltà di medicina. Per quanto riguarda la mia facoltà devo dire che sono ben organizzati. Ho seguito corsi in inglese, tedesco e italiano. Studiando mediazione linguistica non ho trovato particolari difficoltà nel comprendere ciò che veniva spiegato ai corsi. Dare gli esami, soprattutto quelli di interpretariato, non è stato semplice. L’università tedesca parte da un livello molto più alto del nostro per quando riguarda il livello linguistico, per questo ho dovuto lavorare molto sul mio tedesco, e nonostante questo ho ancora molto da imparare per arrivare al livello richiesto.

È costoso vivere in Germania?  Qualche consiglio per risparmiare?

La Germania non è una nazione molto costosa, potremmo paragonarla all’Italia. Purtroppo però, tra tutte le città tedesche, Heidelberg non è sicuramente una delle più economiche. Gli alloggi privati costano molto, per questo consiglio di far domanda per gli studentati universitari appena ricevete il modulo via e-mail. E per la spesa, consiglio vivamente di andare da Aldi o al Lidl.

Cosa può fare uno studente Erasmus a Heidelberg?

Uno studente Erasmus a Heidelberg può fare veramente di tutto, dalle semplici passeggiare tra il verde, alle serate in discoteca. Heidelberg è un piccolo gioiello tedesco, una città incastonata tra le montagne con il fiume Neckar che passa nel mezzo. Il castello e la sua terrazza offrono una vista spettacolare sulla città, non potete assolutamente perdervela. Ci sono svariati musei, uno zoo, biblioteche fornitissime. Per quando riguarda il divertimento non dovete preoccuparvi, c’è un’intera via dedicata ai pub e ai disco-pub che il giovedì sera è sempre affollata: Jinx, Mohr, Shooters, Tangente, questi sono solo alcuni nomi dei locali nei quali non si può non andare. Inoltre ci sono molti eventi e serate organizzate per gli universitari e gli studenti Erasmus. Le feste in Germania costano veramente poco!

Ci sono aspetti negativi di questa città?                

I costi degli alloggi, come accennavo prima. Ad Heidelberg non si spende poco sfortunatamente, anche se l’esperienza vale totalmente la pena.

Pensi che questa esperienza sia stata utile per te? Consiglieresti di partire per l’Erasmus a Heidelberg?

L’esperienza mi è stata di grande aiuto per esercitare la lingua. Inoltre, la consiglio a tutti perché, a parte il miglioramento dal punto di vista puramente universitario, è un’esperienza che mi ha fatto cambiare moltissimo come persona. Sono più aperta, socievole, semplicemente diversa dalla persona che è partita. Inoltre ho incontrato tantissime persone meravigliose, amici con cui mi auguro di restare in contatto per sempre. Mi sono trovata veramente bene. Forse la parte più difficile di questo Erasmus è stata proprio dover salutare tutti e ripartire per tornare in Italia ad agosto.

Come si arriva a Heidelberg?

Aereo da Pescara a Francoforte (o Baden-Baden). Con la Ryanair si spende veramente pochissimo. Dall’aeroporto si prende l’Hahn-Express, un autobus che ti porta direttamente alla stazione di Heidelberg in 2 ore. È semplicissimo e per nulla costoso.

 

Studente:  Giulia Fratini

facoltà: Mediazione Linguistica (IÜD – Institut für Übersetzung und Dolmetschen)

città: Heidelberg

periodo di permanenza: Marzo – Agosto 2014 (6 mesi)

NON PERDETE QUESTO VIDEO IN CUI UNA RAGAZZA CILENA CI PORTA A SPASSO PER HEIDELBERG!!!

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *