Aspettando…AltreVisioni 2015

Di nuovo ci troviamo piacevolmente sorpresi. Sorpresi dalla generosità delle persone che, coinvolti dal nostro progetto e dall’esperienza dell’anno precedente, non vedono l’ora di portare un po’ di aria “internazionale” a Macerata.

Anche quest’anno abbiamo il piacere di avere in squadra giovani ragazzi e ragazze desiderosi di mettersi in gioco per la realizzazione di AltreVisioni, il festival di contro-informazione che avrà luogo in aprile grazie alla collaborazione con Internazionale e la sua CineAgenzia. Durante l’assemblea aperta, tenutasi lunedì sera pressa il LabS di Vicolo Monachesi, abbiamo vissuto un’esperienza di condivisione e di definizione delle idee da mettere in pratica nei giorni del Festival: un’impresa sicuramente non facile per la redazione di Via Libera che, conscia dei propri umani limiti (nessuno nasce “imparato”), come l’anno scorso, ha aperto le porte a quanti vogliano collaborare con l’0rganizzazione, sia mettendo a disposizione le proprie competenze, sia supportandoci con l’entusiasmo e la voglia di aiutare, anche nelle piccole cose.  Dall’anno scorso, abbiamo ormai capito che nulla deve essere lasciato al caso e che tutto ciò che consentirà al Festival di esistere a Macerata, dagli aspetti finanziari alla scelta degli ospiti, dalla “burocrazia” alla pubblicità, richiede una concentrazione di forze particolare.

Possiamo dunque annunciare che la macchina organizzativa è in moto e che, ad aprile, Macerata sarà una piccola isola dell’informazione “alternativa” ai canali mainstream. L’offerta su cui stiamo lavorando è dominata, ovviamente, dalle proiezioni dei documentari di Mondovisioni, come sempre caratterizzati da quell’occhio indagatore ed attento agli ultimi, tipico della rassegna. Tra i titoli in programma, anticipiamo “Marmato“, storia di una piccola comunità di minatori in Colombia che lottano contro le mire espansionistiche di una multinazionale,  “Concerning Violence“, documentario narrato da Lauryn Hill sul colonialismo e sull’impatto che ha avuto a livello mondiale,  e “Documented“, la storia del giornalista premio Pulitzer Vargas  che si autodenunciò come clandestino negli Stati Uniti.

Relativamente agli ospiti, invece, possiamo confermare – ad oggi – la partecipazione di WuMing 2, di Vittorio Lattanzi (membro del famigerato  “Lercio”) e del collettivo de Il Terzo Segreto di Satira; saranno a vostra disposizione anche altri protagonisti del mondo del giornalismo d’inchiesta, dei quali siamo in attesa di conferma. Altre Visioni però non è solo informazione e discussione: come l’anno scorso, non mancheranno i momenti musicali, gli aperitivi e la commistione con le arti figurative (illustrazioni, fumetti, graffiti e chi più ne ha più ne metta).

Tornerà, infine, il crowdfunding: per mettere in piedi e far camminare la macchina di AltreVisioni, servono soldi. Ed anche quest’anno la nostra fonte di sostentamento principale sarà rappresentata dalle tante e dai tanti (speriamo) che vorranno donare una piccola offerta per la realizzazione di un grande evento che sia il più possibile fruibile da tutti. Sono molte le città nelle quali i documentari di Mondovisioni vengono proiettati a pagamento, ma siamo fermamente convinti che tale scelta, seppure comprensibile per la qualità e l’originalità delle proiezioni, non sia conforme allo spirito di Via Libera.

Tenete d’occhio il sito di Via Libera e la pagina Facebook,  a breve forniremo il programma definitivo del festival. Nel frattempo, diamo il benvenuto a chiunque voglia collaborare con il nostro gruppo di attivisti e sostenitori.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *