Conferenze contro l’austerità a Macerata

Capire l’economia con la MMT” è il nome dato a un ciclo di conferenze istituito nelle Marche: tra Ancona, Macerata e San Benedetto del Tronto hanno l’aria di voler seguire il nuovo vento del cambiamento che si sta respirando in tutta Europa.

Un momento dell'incontro della MMT a Camerano

Argomenti di attualità, dal debito pubblico ai trattati europei, saranno toccati in questa serie di incontri dibattito organizzati da parte di un associazione intesa a riunire tutte le categorie dei cittadini all’insegna del cambiamento e comprensione dell’economia che sempre più sembra abbandonare i cittadini a brancolare nel buio.

La Mosler Economics, dal nome del fondatore proveniente dagli Usa, e Modern Money theory ovvero Teoria della Moneta Moderna ha come principio il riconosce nello Stato il monopolista della moneta, e in quanto tale ha il dovere di essere in deficit, ne risulta che “la disoccupazione è la prova di deficit pubblici troppo bassi” dice l’economista statunitense “Lunico modo per risolverla è ridurre le tasse, o aumentare la spesa pubblicaSe invece lo Stato preleva per le tasse un importo eccessivo, non lascia al settore privato la quantità di moneta sufficiente per pagare le tasse, risparmiare quanto desiderato e vivere decentemente”.

A Macerata si svolgeranno in via Benedetto croce 10, sede dell’associazione Praxis rispettivamente il 6 – 20 Febbraio e il 6 – 20 Marzo, sempre alle 21:00.

Ad Ancona si terranno presso la Casa delle culturein via Vallemiano 46 il 6 – 13 – 20 – 27 Febbraio sempre alle ore 21.

Locandina dell'evento di Macerata

A San Benedetto invece luogo prescelto è l’hotel Calabresi, il 16 e 23 Febbraio e 2 – 9 Marzo sempre alle ore 21:00 qui le conferenze sono organizzate dall’associazione Le Idee.

La serie di conferenze, aperte e gratuite, saranno divise per i seguenti temi:

1. Le basi della Mmt
2. La finanzia funzionale, la piena occupazione ed i programmmi di lavoro garantito.
3. Regimi di cambio, svalutazione e inflazione.
4. Eurozona e Trattati europei.

Si tratta in tutti i casi di argomenti dalla forte problematicità e da cui i cittadini si sentono al giorno d’oggi lontani, nonostante l’impatto che questi hanno sulla vita di tutta la cittadinanza lavoratrice europea. Al di là dunque degli aspetti tecnici, vi si può riscontrare uno spirito di iniziativa e dibattito utile ad un territorio in cui il confronto e gli stessi punti di vista alternativi fanno fatica ad affermarsi e anche a nascere.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *