Intervista a Behrose Qadiry: Erasmus a Praga

Praga, città che conta 1,3 milioni di abitanti e capitale della Repubblica Ceca, è un centro turistico e culturale di fama mondiale.Nel 1992 il suo centro storico è stato considerato patrimonio dell’UNESCO. Sorge sul fiume Moldava e si sviluppa su nove colli.
Abbiamo intervistato Behrose Qadiry, laureando in Scienze Politiche all’Università di Macerata, che ha trascorso 5 mesi nella “Città d’oro”.

Ciao Behrose, come mai hai scelto Praga come meta Erasmus?
L’ho scelta perché è una città dell’Europa Centrale e poteva offrirmi tante opportunità in relazione a quello che ho studiato, anche perché questi Paesi si stanno sviluppando economicamente e mi piaceva l’idea di poter valutare da vicino le opportunità presenti, anche per un eventuale dottorato. E inoltre, ovviamente, per la sua vita Erasmus.

Com’è l’Università? Hai riscontrato grandi differenze rispetto all’Università di Macerata?
Aldilà del fatto che la Metropolitan University of Prague ha legami con diverse istituzioni europee, al suo interno gli studenti vengono molto coinvolti durante le lezioni, attraverso pratica e lavori di gruppo.Inoltre la frequenza è obbligatoria e durante le lezioni viene fornito il materiale necessario per studiare e poter intervenire con domande o chiarimenti alla lezione successiva.I professori tengono in gran conto gli interventi fatti a lezione, registrandoli e dando un bonus per l’esame finale.Qui all’Università di Macerata invece si ascolta e basta, senza pratica o lavori di gruppo.Inoltre i professori della Metropolitan parlano perfettamente l’inglese, mentre qui non è difficile riscontrare questa mancanza all’interno del corpo docenti.

L’inglese è la lingua parlata dalla maggior parte della popolazione?
Decisamente. Praga è una città turistica quindi la maggior parte della popolazione parla inglese.Gli iscritti all’Università lo parla perfettamente poiché per accedere al corso di studi si deve superare l’esame d’inglese, il TOEFL, quindi gli studenti entrano già con un’eccellente preparazione linguistica.
Anche a Macerata c’è, ma è di livello decisamente più basso e questo porta a una penalizzazione dell’intero corso di studi poiché molti studenti riscontrano difficoltà con la lingua e quindi c’è poca evoluzione a livello didattico.Anche per questo ho scelto Praga, per studiare cose diverse a un livello decisamente più avanzato, in un ambiente completamente diverso.

Com’è stato il tuo primo impatto?
Il primo impatto è stato eccellente,non c’è nessun tipo di difficoltà d’integrazione poiché Praga è una città turistica quindi la gente è abituata agli stranieri ed è davvero molto aperta e cordiale.

Com’è il costo della vita e quali sono le maggiori attrazioni per gli studenti?
Il costo della vita è molto basso e l’unica difficoltà è trovare casa.Ci sono però dei gruppi su Facebook in cui ci sono annunci di stanze che costano sulle seimila corone (all’incirca 200 euro) e sono al centro.Ma anche se si capita in una zona un po’  più periferica non c’è alcun problema poiché i mezzi di trasporto sono efficientissimi e passano tram o autobus ogni dieci minuti.
Le principali attrazioni della città sono il Castello di Praga, l’orologio astronomico, ii Ponte Carlo, la Piazza della Città Vecchia e non contando i diversi e famosissimi musei.Inoltre si organizzavano spesso gite e infatti ho avuto l’opportunità di visitare Vienna, Bratislava e Pilsen, la città dove si è sviluppata la produzione della birra Pilsner, che distano poco da Praga.

Il tuo messaggio per gli studenti che vogliono scegliere Praga come meta?
A Praga c’è una bella vita Erasmus e ci si diverte molto.Anche se ci sono opportunità di lavoro, l’economia del Paese non permette ancora grandi guadagni; ma l’Università è eccellente e inoltre si possono gustare le famose birre della Repubblica Ceca che quasi costano meno dell’acqua!
Importante però è stare attenti quando c’è il cambio valuta.Consiglio di informarsi precedentemente sul valore euro-corona e non cambiare mai soldi in aereoporto perchè è molto facile incorrere in imbrogli.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *