Tappa matelicese per il Festival Internazionale della Chitarra “J. Rodrigo”

Si giunge quest’anno alle decima edizione del Festival Internazionale della Chitarra “J. Rodrigo”, ormai un appuntamento fisso per gli appassionati di musica residenti nel fermano. Nato a Porto San Giorgio, recentemente l’evento si è esteso ad altri comuni, sbarcando quest’estate anche nella nostra provincia: la tappa del 3 luglio si terrà infatti a Matelica, nelle sale del Museo Piersanti.

L’associazione culturale “J. Rodrigo” è nata dieci anni fa da musicisti diplomati nel territorio fermano. Da allora si è costantemente occupata di organizzare corsi di formazione musicale per bambini, ragazzi e adulti. Nel 2006, parallelamente a questa attività, l’associazione ha proposto a Porto San Giorgio un festival di musica da camera, che negli anni si è andato specializzando nel tema della chitarra classica e che dal 2009 ha preso la connotazione di festival internazionale, ospitando artisti di diversi Paesi.

Sia l’evento che l’associazione sono dedicati a Joaquín Rodrigo (1901 – 1999), grande compositore spagnolo, che ha scritto musiche ormai celebri per chitarra e pianoforte.

La scelta della chitarra classica come protagonista del festival non tragga in inganno: tutto il programma è improntato alla contaminazione stilistica e alla multiculturalità. Le sette date di questa decima edizione, infatti, hanno visto (e vedranno) avvicendarsi sul palco artisti provenienti da più continenti, specialmente dal sud del mondo: il festival ospiterà musicisti sudafricani, venezuelani, cubani, cileni e peruviani, per fare qualche esempio. Una perfetta sintesi di questa varietà – di provenienze, ma anche di stili – è rappresentata dai Pipero Ensemble, che si esibiranno a Montefalcone nella data di giovedì 2 luglio: sei musicisti di sei nazionalità diverse, esecutori di arrangiamenti musicali che combinano virtuosismi classici e barocchi alle influenze del rock e del latin jazz.

Non solo: per la prima volta il festival ospiterà un concorso nazionale di esecuzione chitarristica, “Varie azioni sul tema”, a cui parteciperanno anche musicisti stranieri. Parallelamente si svolgeranno Masterclass e corsi di perfezionamento, con molti studenti in gemellaggio dalla Germania che saranno ospitati dalle famiglie del luogo: un ottimo modo non solo per sperimentare altre realtà, ma anche per far conoscere la nostra, dando una spinta al turismo e all’arricchimento culturale.

Giordano Passini

Ma la varietà di cui il festival si fa testimone non è solo geografica. Cifra stilistica di questa decima edizione, infatti, è la combinazione insolita della chitarra solista accompagnata da un quartetto d’archi, poco frequente rispetto alle più tradizionali formule in ensemble e in orchestra: un’originale variazione sul tema, che permetterà di ascoltare anche i brani più celebri in modo nuovo e diverso.

Sarà proprio questo genere di concerto ad animare la serata ambientata a Matelica. Ad esibirsi come solisti saranno i virtuosi della chitarra Ulrich Coppel (Germania), Giordano Passini e Giovanni Maselli. Da notare, relativamente a quest’ultimo, il repertorio vario e fuori dal comune, che spazia dalla musica antica suonata su strumenti originali –  come la tiorba, la chitarra barocca e la vihuela rinascimentale – alle pagine di musica contemporanea più moderne e audaci.

 

Il quartetto d'archi Wesfalia

 

 

Ad accompagnare i solisti ci sarà il quartetto d’archi Westfalia, proveniente dalla Germania: una formazione recente ma già di grande successo, che ha preso parte anche alla serata inaugurale del festival. Saranno eseguiti quintetti originali scritti da Antonio Vivaldi, Luigi Boccherini e Leo Brouwer.

Appuntamento, dunque, al Museo Piersanti di Matelica, alle 21:30 di venerdì 3 luglio. Il concerto, come tutte le serate proposte dal festival, sarà a ingresso libero.

Le prossime date si svolgeranno  in altre location di grande fascino, come la Rocca Tiepolo di Porto San Giorgio (sabato 4 e domenica 5 luglio) e la Chiesa di San Rocco di Monte Urano (lunedì 6 luglio), dove si terrà il concerto conclusivo del festival. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito (www.internationalguitarfestival.eu) e la pagina facebook del Festival Internazionale della Chitarra “J. Rodrigo”

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *