Proposta di incontro pubblico per il progetto Sferisterio d’Inverno.

In questa bellissima sala O.S.A! – Associazione Tecnici ed Operai precari dello Spettacolo –  propone di poter effettuare in collaborazione con importanti realtà culturali maceratesi (e non solo..) laboratori di recitazione, di danza, di teatro contemporaneo, mostre, esposizioni e sperimentazioni di allestimenti scenografici.

Una mostra nella sala del Vecchio Cinema allo Sferisterio

Di seguito pubblichiamo la proposta  di Osa! per un confronto pubblico su interventi di cura, manutenzione e valorizzazione del teatro Sferisterio da realizzarsi tra il Comune di Macerata e le associazioni interessate al progetto.

Il punto di partenza  è sicuramente quello della necessaria  condivisione di come il monumento simbolo della città di Macerata necessiti  di una seria manutenzione minima  e  ordinaria  della struttura  e dalla constatazione delle grandi potenzialità di cui dispongano gli spazi interni dell’Arena, con la possibilità di ospitare  manifestazioni culturali  di vario genere e indirizzo, anche oltre al loro consueto impiego durante la stagione estiva.
L’intenzione degli operai  è quella di fornire un modello di gestione serio, innovativo e aperto alla comunità, che possa concedere possibilità di espressione  ad artisti, tecnici ed operai e recuperi il decoro che il teatro merita, anche attraverso una manutenzione adeguata e concordata degli spazi, secondo le capacità e le competenze delle maestranze tecniche ed il contributo degli uffici comunali competenti.

L’associazione OSA! composta da tecnici e operai  precari dello spettacolo che lavorano da molti anni per la stagione lirica del Macerata Opera Festival, si propone come principale soggetto interlocutore per il progetto “Sferisterio d’inverno” con l’intenzione di  gestire, in maniera autonoma, autorganizzata ed includente, i luoghi interni del teatro durante i mesi in cui questo rimane senza utilizzo, insieme a realtà artigianali locali  e  associazioni culturali di rilievo riconosciuto  in un  accordo di convenzione con l’Amministrazione  e il Consiglio Comunale in quanto garanti della tutela del bene pubblico.

Com’ è noto, la Costituzione italiana prevede , oltre al fondamentale art 1, che i cittadini abbiano possibilità di accedere ad un lavoro degno e non ci siano preclusioni di alcun tipo (art 3,4), che siano adeguatamente salvaguardati e valorizzati il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione..(art 9), che attività economiche e imprenditoriali che terminano il  loro esercizio  possano essere date o concesse in gestione ai lavoratori, se queste attività hanno un particolare interesse generale per la comunità di riferimento..(art 43 e /o art 46), che si riconosca  il diritto dei lavoratori a collaborare nei modi e nei limiti stabiliti dalla legge, alla gestione delle aziende (art 49). Stabilisce inoltre attraverso l’art 118 (ultimo comma) il principio di sussidiarietà, attraverso cui l’amministrazione pubblica può demandare la gestione e l’amministrazione di beni comuni o di proprietà pubblica, a singoli cittadini cooperanti, dietro una convenzione appositamente scritta  in accordo tra le parti.

In base anche a queste fondamentali prerogative, l’associazione O.S.A! propone  all’ Amministrazione  e al Consiglio Comunale di Macerata, attraverso la presentazione di un  progetto articolato, la ricerca di una  soluzione, seppure parziale, alla perdurante, prolungata e ormai insostenibile condizione di precarietà lavorativa che vivono le maestranze tecniche maceratesi dello Sferisterio e il riconoscimento non dilazionabile di diritti incontrovertibili quali quelli di una maggiore continuità occupazionale.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *