Atletica – Tamberi sul tetto del mondo

di Marta Palazzini

L’atleta anconetano, di Offagna, delle Fiamme Gialle è campione del mondo. Terminata l’attesa dell’atletica italiana, durata oltre dodici anni; per risalire all’ultimo oro vinto in una disciplina dell’atletica leggera si deve ritornare al mondiale, all’aperto, del 2003, quando Giuseppe Gibilisco conquistò l’oro nel salto con l’asta a Parigi.

Tamberi ha compiuto l’impresa all’Oregon Convention Center, vincendo con la misura di 2.36,saltata al primo tentativo con un guizzo adrenalinico. L’atleta aveva dichiarato, il giorno prima della gara, che la vittoria sarebbe stata possibile senza il bisogno di arrampicarsi alla misura dei 2.40; così è stato infatti. Sul 2.33 erano rimasti solamente i tre che sono andati a medaglia: il britannico Robert Grabarz, medaglia d’argento, e l’atleta di casa Erik Kynard, medaglia di bronzo, entrambi fermatisi a 2.33. La misura che ha concesso la vittoria, è stata saltata da Gimbo in questa stagione ben altre volte, considerando inoltre il 2.38 (record italiano indoor); colleziona così quattro vittorie su quattro. Inevitabilmente, adesso, l’obiettivo è Rio.

Si è trattata comunque di una gara tutta in salita per Tamberi: il primo errore addirittura a 2.20, per poi proseguire sempre al terzo tentativo di salto con le misure di 2.29 e 2.33. Dove sembrava non arrivare la tecnica è arrivato però il carattere e la determinazione; l’istrionico atleta riesce a distinguersi con l’unico salto davvero preciso e pulito, quello decisivo per il titolo mondiale. Il grande favorito di questo evento manca il podio: quarta posizione per Mutaz Barshim, che si ferma a 2.29; a condizionarlo un problema di crampi venuto fuori sul 2.33. Nonostante sia evidente, da questo inizio di stagione, che Gianmarco Tamberi è in ottima forma, questa gara sembra davvero essere una prestazione che lascia il segno e aggiunge un tassello importante per la preparazione alle Olimpiadi di Rio de Janeiro.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *