A Ventotene per L’Europa federale

Il 27 agosto ha avuto inizio il seminario di formazione federalista dal titolo “Il Federalismo in Europa e nel mondo: Dall’Unione Monetaria agli Stati Uniti d’Europa”. L’evento è organizzato nel luogo simbolo del federalismo europeo: l’isola di Ventotene, dove nel 1941  il federalismo passò dall’essere un concetto fil

Sessione introduttivaosofico a un obiettivo politico, grazie al lavoro di Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi. È proprio in questo stesso luogo che ora si intende ripartire dopo le ultime crisi, non da ultimo quella della Brexit, per rilanciare il progetto europeo e in particolare l’ipotesi che non si è mai spenta di un assetto democratico e federale per il nostro continente.

L’aspetto che accomuna i 150 partecipanti, europei ed extra-europei, è il desiderio di accrescere il proprio bagaglio di conoscenze e di sviluppare uno spirito critico riguardo il tema del federalismo e come questo può essere applicato all’assetto istituzionale dell’Unione Europea, in vista di una riforma delle sue istituzioni in grado di rendere l’Europa più capace di affrontare le sfide attuali e future che si presentano.

Il seminario giunge già alla trentacinquesima edizione, e la sua realizzazione conta la collaborazione di numerosi enti pubblici quali la Regione Lazio, la Provincia di Latina, il Comune di Ventotene, così come organizzazioni quali il Movimento Federalista Europeo, il Movimento Europeo in Italia e l’Ente Nazionale Canossiano. Come ogni anno è prevista la partecipazione di più di trenta relatori, esponenti della società civile e rappresentanti delle istituzioni italiane ed europee, che arricchiranno le varie sessioni di lavoro con cui sono composti i due seminari e animeranno i dibattiti tra i giovani partecipanti.

IMG-20160827-WA0003La delegazione della sezione maceratese della Gioventù Federalista Europea è presente a Ventotene e sui suoi canali social informerà costantemente su ogni attività di questo importante evento, che si concluderà giovedì 1 settembre.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *