Premio Maria Grazia Capulli: un riconoscimento per le tesi universitarie a tema giornalistico

L’Università di Macerata bandisce quest’anno la prima edizione del “Premio Maria Grazia Capulli”, in collaborazione con la famiglia Capulli e RAI.

(Per i pochi che non conoscessero la giornalista maceratese M.G. Capulli, Via Libera ne aveva parlato qui)

Il premio è dedicato a tesi di laurea magistrale (vecchio ordinamento quadriennale e nuovo ordinamento, II livello) in ambito giornalistico, discusse nell’Università di Macerata tra giugno 2015 e aprile 2016, con una tesi redatta in italiano o in inglese e avente ad oggetto uno o più temi oggetto del bando.

Da come possiamo leggere nel bando,

“Le tesi dovranno trattare temi e casi giornalistici, con particolare riguardo al c.d. “giornalismo costruttivo”, ovvero un giornalismo rigoroso, in grado di valorizzare gli aspetti positivi e la ricerca di soluzioni al fine di presentare al pubblico un quadro più completo e veritiero della situazione, mantenendo come fondamenta le classiche funzioni e l’etica di base del giornalismo.”

Il premio è davvero consistente.
Il vincitore del Premio Maria Grazia Capulli, infatti, riceverà una borsa di studio del valore di 2.000 euro (duemila) erogata dalla famiglia Capulli, che verrà consegnata durante la cerimonia di premiazione prevista per il mese di giugno 2017.

La RAI offrirà, inoltre, al vincitore la possibilità di attivare un tirocinio extracurriculare – nel rispetto delle normative vigenti – della durata di tre mesi presso la redazione di un programma di approfondimento giornalistico.

Scadenza presentazione delle domande: 30 aprile 2017

Nel bando (qui) i requisiti e le modalità di partecipazione

maria-grazia-capulli-7

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *