“REC”: Al via il progetto rivolto ai giovani del comune di Frontone!

“La spiritualità è come l’aria”, è lo slogan condiviso durante l’incontro interreligioso tenutosi a Fonte Avellana tra il Priore Padre Gianni e la Monaca Buddista Cristiana Costa (Ciampa Tsomo), con la presenza di Americo Marconi, per inaugurare il progetto “REC-Risonanze, Echi dal Catria”.

Il 25 e il 26 marzo, nella splendida cornice di Fonte Avellana, si è dato il via al progetto “REC-Risonanze, Echi dal Catria”, con capofila il Comune di Frontone, cofinanziato dalla Regione Marche e dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale. Il progetto è rivolto ai giovani dai 18 ai 35 anni e mira a dare ai giovani la possibilità di creare centri di aggregazione nel proprio territorio.

Nell’Ex Colonia di Frontone si alterneranno durante tutto l’anno 2017 diverse attività che coinvolgeranno soprattutto i giovani.  Partner progettuali delle iniziative saranno: Asd “Ijshaamanka”, ideatore del progetto, l’ Azienda Speciale Consorziale del Catria, l’Associazione Musicale Culturale Tuttisuoni, il Comune di Cantiano, il Comune di Serra Sant’Abbondio , l’ Associazione Via Libera Macerata, l’ Associazione Eco-Fatto; avranno inoltre il sostegno di due sponsor: Rifugio delle Cotaline e Monte Catria Scarl.

Durante le giornate a Fonte Avellana, hanno dato il benvenuto ai presenti e presentato il progetto il Sindaco di Frontone e il coordinatore Giancarlo Taddei.
Presente alla prima iniziativa anche la Dott.ssa Patrizia Bonvini della Regione Marche, che sottolinea l’importanza di fare scelte coraggiose in grado di mettere in campo, con progetti come questo, nuove domande e nuovi stimoli per sollecitare i giovani ad interrogarsi e a vivere il territorio in maniera creativa.
Il Priore Padre Gianni di Fonte Avellana e la Monaca Ciampa Tsomo, danno il via ad un’appassionante confronto e racconto di quelle che sono rispettivamente per la religione Cristiana e per quella Buddista, due vite che hanno lasciato il segno: quella di S. Antonio Abate e di Milarepa.
Interviene anche Americo Marconi, laureato in medicina e chirurgia, appassionato alpinista, diplomato alla scuola superiore di filosofia orientale e comparativa di Rimini, portando la testimonianza di Padre Pietro Lavini, eremita dei sibillini; chiude con questa domanda “a che vale la vita senza la vita?”.

E allora ancora molte riflessioni sulla montagna, una montagna di cui spesso la città si dimentica, una montagna che ha un ruolo simbolico sul piano sociologico, antropologico e politico.
I giovani possono con questo progetto capire e vivere il valore della montagna, definito durante l’incontro un luogo perno attorno al quale re-immaginare lo sviluppo di un intero territorio.

Dopo i saluti del sindaco di Serra Sant’Abbondio e di Daniele Tagnani dell’Università degli uomini originari di Frontone, l’attività si conclude con la presentazione delle attività del giorno dopo.

Continuate a seguire il progetto REC su facebook alla pagina REC “Risonanze Echi dal Catria” per scoprire tutte le attività in programma.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *