tradizione

  • di Carlo Natali. Nell’epistolario di Napoleone Bonaparte c’è una lettera che egli scrisse dal suo quartier generale a Macerata al Direttorio datata 15 febbraio 1797, quattro giorni prima del famoso […]

    Ràdeche – puntata 09: Intervista con Rosauro Scarafoni, apicoltore

    di Carlo Natali. Nell’epistolario di Napoleone Bonaparte c’è una lettera che egli scrisse dal suo quartier generale a Macerata al Direttorio datata 15 febbraio 1797, quattro giorni prima del famoso trattato di Tolentino. Nella missiva, dove si preannunciano le condizioni che verranno imposte a papa Pio VI di lì a poco, tra aggiornamenti militari e politici che poco o nulla concedono ad altro c’è un breve passaggio che recita testualmente: “La province de Macerata, connue […]

    Leggi tutto...
  • di Carlo Natali. Nel volume “Sai che gli alberi parlano? La saggezza degli indiani d’America” (Il Punto d’Incontro, 2002, traduzione di Clara Lasagni), preziosa raccolta di testi degli Indiani d’America a cura di Käthe Recheis e Georg Bydlinski, c’è una meravigliosa poesia del capo Tatanga Mani (1871-1967), meglio conosciuto come Walking Buffalo, della Nazione Stoney-Nakoda (una tribù di derivazione Sioux affine agli Assiniboine) dove si dice chiaramente che, se li sai ascoltare, gli alberi parlano […]

    Ràdeche – puntata 08: Un pomeriggio a Vallato di San Ginesio

    di Carlo Natali. Nel volume “Sai che gli alberi parlano? La saggezza degli indiani d’America” (Il Punto d’Incontro, 2002, traduzione di Clara Lasagni), preziosa raccolta di testi degli Indiani d’America a cura di Käthe Recheis e Georg Bydlinski, c’è una meravigliosa poesia del capo Tatanga Mani (1871-1967), meglio conosciuto come Walking Buffalo, della Nazione Stoney-Nakoda (una tribù di derivazione Sioux affine agli Assiniboine) dove si dice chiaramente che, se li sai ascoltare, gli alberi parlano […]

    Leggi tutto...
  • di Carlo Natali. Oggi parliamo di un libro che non è propriamente legato al mondo della nostra Marca, ma che è essenziale per comprendere e contestualizzare molte delle meccaniche del nostro passato. Si tratta di “Nelle mani delle donne” (Laterza, 2013), della medievista Maria Giuseppina Muzzarelli. Il volume -scrive l’autrice nella prefazione- vuole “raccontare, soprattutto a quante giovani donne impegnate in diversi ambiti lavorativi amano cucinare e lo fanno con maestria, mangiano di gusto e […]

    Ràdeche – puntata 07: Diego Poli e “Nelle mani delle donne” di Maria Giuseppina Muzzarelli

    di Carlo Natali. Oggi parliamo di un libro che non è propriamente legato al mondo della nostra Marca, ma che è essenziale per comprendere e contestualizzare molte delle meccaniche del nostro passato. Si tratta di “Nelle mani delle donne” (Laterza, 2013), della medievista Maria Giuseppina Muzzarelli. Il volume -scrive l’autrice nella prefazione- vuole “raccontare, soprattutto a quante giovani donne impegnate in diversi ambiti lavorativi amano cucinare e lo fanno con maestria, mangiano di gusto e […]

    Leggi tutto...
  • di Carlo Natali Qui a Via Libera Macerata mi chiedono di parlare di Petriolo e della Festa delle Cantinette, che si terrà a breve. Per me, ve lo dico subito, è molto difficile farlo, dato che si tratta del mio paese e di un evento nel quale negli ultimi tempi sono stato coinvolto. Ho anche parecchi dubbi su quanto possa essere opportuno parlare della Festa all’interno di una rubrica come Ràdeche. Poi ho incontrato Mara […]

    Ràdeche – puntata 06: Una storia paesana

    di Carlo Natali Qui a Via Libera Macerata mi chiedono di parlare di Petriolo e della Festa delle Cantinette, che si terrà a breve. Per me, ve lo dico subito, è molto difficile farlo, dato che si tratta del mio paese e di un evento nel quale negli ultimi tempi sono stato coinvolto. Ho anche parecchi dubbi su quanto possa essere opportuno parlare della Festa all’interno di una rubrica come Ràdeche. Poi ho incontrato Mara […]

    Leggi tutto...
  • di Carlo Natali Mario Rigoni Stern ricorda ne “Il sergente nella neve” quando, poco prima della catastrofe, la sua compagnia era appostata tra le rovine di un villaggio di pescatori sulle rive del Don e, scavando i camminamenti, a volte nella terra e nella neve trovava patate, cavoli, carote e zucche e nulla si sprecava, in quell’inverno oltremisura. Avevano poi due sacchi di segala e due macine improvvisate, con le quali si scaldavano macinando il […]

    Ràdeche – puntata 05: Magnapolenta

    di Carlo Natali Mario Rigoni Stern ricorda ne “Il sergente nella neve” quando, poco prima della catastrofe, la sua compagnia era appostata tra le rovine di un villaggio di pescatori sulle rive del Don e, scavando i camminamenti, a volte nella terra e nella neve trovava patate, cavoli, carote e zucche e nulla si sprecava, in quell’inverno oltremisura. Avevano poi due sacchi di segala e due macine improvvisate, con le quali si scaldavano macinando il […]

    Leggi tutto...
  • di Carlo Natali Tra le poche cose che oggi si ricordano dell’Abate Federico Troili di Ancona, Segretario di Stato del Papa vissuto in pieno XVII secolo, c’è il fatto d’esser stato il committente della famosa Annunciazione del Guercino (1662) per la chiesa anconetana di San Francesco ad Alto, oggi in San Domenico. Fu amante dell’arte, il nostro Abate. E visto che il passo è breve, fu anche poeta (passatempo non raro tra i suoi pari), […]

    Ràdeche – puntata 04: Faccia smitriàta!

    di Carlo Natali Tra le poche cose che oggi si ricordano dell’Abate Federico Troili di Ancona, Segretario di Stato del Papa vissuto in pieno XVII secolo, c’è il fatto d’esser stato il committente della famosa Annunciazione del Guercino (1662) per la chiesa anconetana di San Francesco ad Alto, oggi in San Domenico. Fu amante dell’arte, il nostro Abate. E visto che il passo è breve, fu anche poeta (passatempo non raro tra i suoi pari), […]

    Leggi tutto...
  • Non molto tempo fa, l’attuale ministro dell’economia ebbe il “buon gusto” di descrivere il millenario rapporto tra cultura ed essere umano così: “con la cultura non si mangia”. Alla luce di una così “lucida” diagnosi, l’associazione La Pillola di Bologna ha indetto il bando di concorso “Con la cultura non si mangia” con l’obiettivo di allestire una mostra permanente che si terra dal 14 settembre al 21 dicembre 2011 negli spazi de La Pillola, Palazzo […]

    Cultura è mangiare

    Non molto tempo fa, l’attuale ministro dell’economia ebbe il “buon gusto” di descrivere il millenario rapporto tra cultura ed essere umano così: “con la cultura non si mangia”. Alla luce di una così “lucida” diagnosi, l’associazione La Pillola di Bologna ha indetto il bando di concorso “Con la cultura non si mangia” con l’obiettivo di allestire una mostra permanente che si terra dal 14 settembre al 21 dicembre 2011 negli spazi de La Pillola, Palazzo […]

    Leggi tutto...